IT / EN

Salus e territorio

Situato nell’area termale del Bullicame a circa un chilometro e mezzo dal centro di Viterbo, vicino a tutte le principali arterie stradali, l’Hotel Salus Terme è il punto di partenza ideale per andare alla scoperta della Tuscia, offrendovi anche la possibilità di escursioni, visite guidate e tour enogastronomici. Estranea al turismo di massa, la nostra terra conserva ancora intatte le caratteristiche che in ogni tempo hanno incantato, fra gli altri, Dante, Michelangelo, Pirandello, Orson Welles, Pasolini, Fellini, Mastroianni, Piovani, Tornatore. Ciò dipende dall’inesauribile varietà dei tesori artistici, storici e naturali di cui la Tuscia dispone: dal superbo centro storico di Viterbo alla fragile bellezza di Civita di Bagnoregio; dall’inestimabile patrimonio etrusco di Tarquinia e Vulci all’imponente Palazzo Farnese di Caprarola; dagli splendidi laghi di Bolsena e di Vico ai severi e romantici scorci dei Monti Cimini.  Continua a leggere  Riduci

Viterbo

Nota come Città dei Papi, in quanto nel XIII sec. fu sede pontificia, Viterbo vanta un magnifico centro storico cinto da possenti mura medioevali. I suoi edifici più importanti sono il Palazzo dei Papi, la cattedrale di San Lorenzo, il quartiere di San Pellegrino, la chiesa di Santa Maria Nuova e l’antichissima chiesa di San Silvestro. Nella zona termale in cui si trova il nostro albergo sono presenti il parco naturale del Bullicame e notevoli tracce di insediamenti etruschi. L’evento più caratteristico della città è il trasporto della Macchina di Santa Rosa che si svolge ogni 3 settembre. La Macchina è una sbalorditiva struttura illuminata alta trenta metri, simile ad un campanile, portata a spalla attraverso il centro storico in onore della santa patrona della città.  Continua a leggere  Riduci

Salus e cultura

Il nostro hotel è profondamente radicato nel territorio di Viterbo a cui contribuisce non solo garantendo ai visitatori la migliore ospitalità possibile, ma anche organizzando iniziative culturali di assoluto rilievo: concerti della migliore musica jazz internazionale, mostre fotografiche, esposizioni, eventi enogastronomici, convegni e seminari su temi di filosofia, arte e letteratura. Noi amiamo veramente questo territorio e, amandolo, lo pensiamo, cioè lo ripensiamo da punti di vista che cercano di forzare l’abitudine e il luogo comune, come cerchiamo di fare ogni settimana nel nostro blog “Camera con vista”.  Continua a leggere  Riduci

Civita di Bagnoregio

Stagliata sul magnifico scenario dei Calanchi, Civita di Bagnoregio è un antichissimo borgo che sorge su uno sperone di roccia tufacea soggetto a fenomeni di sgretolamento e frane. Nel tempo, parti significative della cittadina sono state divorate da questa implacabile erosione, tanto da essere anche conosciuta come “La città che muore”. Quanto oggi ne resta è uno spettacolo che toglie il fiato, capace di attirare turisti da tutto il mondo.  Continua a leggere  Riduci

Il Giardino delle Peonie

A Vitorchiano, a pochi chilometri da Viterbo, si trova la più vasta collezione al mondo di peonie arboree ed erbacee cinesi. Il Centro Botanico Moutan, che si estende su un’area di ben quindici ettari, raccoglie circa seicento differenti varietà e ibridi naturali appartenenti alle specie botaniche conosciute, alcune delle quali estremamente rare, come la Rockii, varietà spontanea degli altipiani del Tibet, in grado di sopportare temperature estreme, anche al di sotto dei venti gradi centigradi. Nei mesi di aprile e maggio, periodo di massima fioritura, consigliamo di visitare il suggestivo Giardino delle Peonie: uno splendido colpo d’occhio, un’occasione unica per incantare lo sguardo e arricchire il proprio giardino.  Continua a leggere  Riduci

I monti Cimini

Territorio noto per la produzione di castagne e nocciole di altissima qualità, i monti Cimini rappresentano la destinazione perfetta per chi vuole immergersi nel verde di boschi romantici e misteriosi. A nord sono alti e solenni, costellati da suggestivi paesi come Soriano, molto amato da Pirandello, Bomarzo con il suo eccentrico Parco dei Mostri, San Martino con la sua splendida abbazia gotica. A sud i Cimini si fanno più dolci e, attraverso il monte Fogliano, conducono infine a Vetralla e al suo tortuoso centro storico. Nel mezzo, tappa obbligatoria è la riserva naturale del lago di Vico con la sua atmosfera assorta e sognante.   Continua a leggere  Riduci

Vulci e Tarquinia

La Tuscia è terra di etruschi (“tuscus”, in latino, significa appunto “etrusco”). Nella provincia di Viterbo i siti etruschi più rilevanti sono Vulci e Tarquinia. Vulci presenta una necropoli con tombe di fondamentale importanza quali, ad esempio, il grandioso tumulo della Cuccumella (alto 18 metri e con un diametro di 75) e la tomba François. Anche a Tarquinia, deliziosa cittadina d’impianto medievale caratterizzata dalle sue numerose torri e dalla vicinanza al mare, è presente un’eccezionale necropoli etrusca, celebre in particolare per i suoi splendidi affreschi, oggetto di studio e d’ammirazione in tutto il mondo.  Continua a leggere  Riduci